Stiamo riorganizzando i nostri eventi...

(DETTAGLI/ISCRIZIONE)

VAI AL CALENDARIO

Calendario Corsi



TUTTO SUL
REVISORE
CONDOMINIALE

Sei in: Home > Sala Stampa > Rassegna Stampa

ANAP Rassegna Stampa 

Rassegna Stampa   (29/01/2015)

Intervista di benvenuto in ANAP a Luca Bellisomo: Amministratore delegato Unicasa italia spa e Amministratore di Condominio.

Anap e Unicasa insieme per fare “nuova impresa” in LOMBARDIA

 

Unicasa Italia spa nasce nel 2007. Un progetto storico che da oggi si interfaccerà con i professionisti ANAP. Con quali aspettative?

Oggi Anap rappresenta una realtà stimolante perché concretizza tante opportunità di crescita e di formazione: ciò che desideriamo offrire ai nostri affiliati. Abbiamo riconosciuto nel management degli Amministratori Professionisti e nel suo Presidente Dott. Paolo Caprasecca la visione aziendale applicata ad una associazione di categoria: la volontà di crescita attraverso la forza rappresentata dal gruppo. La nostra ragione sociale ed il capitale versato dimostrano chiaramente che ci siamo prefissati di raggiungere obiettivi prestigiosi nel medio termine. Lavorare insieme ad Anap significa vivere in un gruppo pieno di sano entusiasmo indirizzato verso la consapevolezza della qualità.  Dice bene anche quando parla di progetto storico; siamo stati gli unici in Italia ad avere avuto il coraggio di investire tempo e denaro, ad aver creduto nello sviluppo di questa professione in una struttura aziendale.

Condividiamo la cultura ed i comportamenti organizzativi di Anap facenti riferimento ai valori di gruppo che giocano un ruolo decisivo nell'integrazione e il miglioramento della posizione sul mercato dell'amministratore di condominio, unendo professionalità, equilibrio e trasparenza.
     

• Quanto è mutato oggi il mercato dei servizi di gestione e di amministrazione degli immobili?
Il mercato dei servizi di gestione e manutenzione degli immobili in condominio in Italia è grande, sia per numero di immobili esistenti sia per giro d’affari: i costi di mantenimento e manutenzione dei fabbricati in condominio rappresentano l’1,8/2% del PIL Italiano.
Sarà per altro un mercato in crescita: il rallentamento del nuovo costruito vede in controtendenza, e quindi in crescita, le attività di ristrutturazione e ammodernamento degli edifici esistenti. Peraltro sono e saranno sempre più attività orientate dalla ricerca di efficientamento nell’utilizzo dell’energia in ambito immobiliare, sia come conseguenza delle normative anche internazionali sia come obiettivo di contenimento dei costi di gestione. Attività nelle quali la condivisione degli obiettivi, del know how e delle esperienze con le strutture di Anap potrà solo arricchire la professionalità degli associati e dei nostri affiliati.


• Contemporaneamente ai cambiamenti del mercato evolvono le esigenze del cliente. Unicasa e Anap quali obiettivi si pongono da questo momento in avanti?

I nostri clienti devono poter contare su standard di alta qualità nei servizi gestionali e avere risposte rapide 24 ore su 24. Sicurezza in tema di correttezza gestionale del condominio e trasparenza nella gestione amministrativa, con riflessi sulla sicurezza nella gestione del denaro, sono i valori che abbiamo individuato quale pilastro portante in Anap. Quindi concretamente sviluppiamo le prime fondamentali sinergie, quali ad esempio la scelta condivisa del software contabile, dove le analisi di Unicasa e le richieste di sviluppo diventano un plus per tutti gli associati Anap, o nelle attività di formazione di “revisori contabili specializzati” da parte di Anap, che permetterà ad Unicasa di raggiungere presto l’obiettivo di fornire ai Clienti bilanci sempre certificati.


• Quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere un Leader per fronteggiare le problematiche e insieme portare avanti la “Rivoluzione perfetta” come ci ricorda il Prof. Angelo Deiana?

Sono due i temi che ha sviluppato il Prof. Deiana e che mi hanno particolarmente colpito: l’avvento dell’economia della reputazione e il mercato per il controllo della conoscenza. La reputazione sarà il futuro delle nostre scelte e la conoscenza ed il relativo mercato saranno determinanti. Arriveremo ad essere scelti dall’utente condomino per la nostra reputazione costruita sulle recensioni dei nostri Clienti. Sarà quindi fondamentale non essere l’amministratore da solo, anche se bravo, ma portatori di servizi in tutti gli aspetti qualitativi, di competenze sempre più trasversali. In quest’ottica il Leader sarà sempre più il Cliente stesso!


Quanto è utile che le associazioni dialoghino fra loro e quanto importante è il ruolo delle Aziende e delle Istituzioni nella riqualificazione del settore immobiliare/condominiale.

In Italia abbiamo almeno 11 associazioni di categoria di amministratori di condominio che stentano a dialogare tra di loro mentre dovrebbero dialogare ma anche con altre associazioni di altre categorie. L’attività di amministratore di condominio è sempre più interdisciplinare e la condivisione della formazione ed il confronto delle esperienze sono fattori determinanti di crescita.

Non è un caso se il primo incontro tra Unicasa ed Anap è stato in sede di Confipi, la Confederazione Italiana dei Professionisti Immobiliari alla quale sia Anap che Unicasa hanno aderito sin dalla costituzione. Le associazioni hanno tanto da lavorare; con la scelta di Anap ho voluto schierarmi con chi ha saputo trasmettere messaggi di concretezza ed inviti alla collaborazione.
Con Paolo Caprasecca sono bastati pochi minuti per cogliere la positività e la trasparenza degli obiettivi. Siamo entrati subito in sintonia.
Il ruolo delle Istituzioni è stato purtroppo sin ora deludente; in primis ha deluso il Legislatore che avrebbe potuto, con l’approvazione della legge di “riforma del condominio” dopo 70 anni di attesa, dare una svolta radicale ad un mercato ancora oggi eccessivamente de regolarizzato. Ma anche le continue incertezze e la breve durata di alcune iniziative legislative ed istituzionali non aiutano. Le Aziende, o almeno quelle che hanno sviluppato la cultura della collaborazione sotto forma di Joint ventures, stanno invece segnali positivi, con una netta riqualifica nella valutazione dei business legati al condominio, probabilmente anche in considerazione delle minori opportunità che sta offrendo il mercato del “pubblico”. Sarebbe auspicabile che anche le associazioni di categoria nel rapportarsi con le imprese uscissero dalla logica dello sponsor e si avvicinassero alla cultura della collaborazione.
 

• Quali obiettivi Bellisomo si pone per la crescita territoriale e dirigenziale ANAP?

Da qualche anno avevo voglia di partecipare ad iniziative nell’ambito della gestione dei condomini che non fossero legate solo alla mia esperienza di dirigente d’impresa. Provengo dalla cultura aziendale e condividerò innanzitutto il Business Plan dello sviluppo di Anap in Lombardia con i dirigenti dell’associazione; certamente gli obiettivi chiave del piano di sviluppo saranno la maggiore visibilità e la presenza sempre più capillare sul territorio, con la collaborazione di chi già sta operando in tal senso.


• Quanto ANAP e Unicasa Italia, pur avendo strutture differenti, potranno supportarsi reciprocamente?

Tantissimo. Al citato incontro fortemente caldeggiato dall’amico e partner di UNICASA Sergio Gaglianese era presente anche Michele Sacchetti, presidente di Unicasa, e con lui abbiamo apprezzato le parole del presidente ANAP Caprasecca.

Unicasa è un’impresa che fa business, Anap è un’associazione che fa cultura, questa è la grande differenza. Ma è anche quello che mi fa sperare in forti sinergie: se il business viene sviluppato con etica ed i valori culturali sono comuni, le differenze creano qualcosa di nuovo. Qualcosa di nuovo che si concretizzi ad esempio nella formazione sempre più vicina alle esigenze quotidiane dell’amministratore, nel trasferire all’Associazione le nostre esperienze di affiancamento e di formazione sul campo, nella trasmissione di concetti ed esperienze imprescindibili quale la necessità di fare network e aggregazione, come richiesto dal mercato.



Torna indietro






ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA ISCRITTA NELLA 2^ SEZ.NE DELL’ELENCO DI CUI ALL’ART. 2, COMMA 7 DELLA L. 4/2013 DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
 
ISCRIZIONE NELL'ELENCO DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (clicca per aprire il documento)